Bilancio integrato e norme ISO 2015: le nuove sfide per la Sostenibilità! Tutti pronti per la scadenza 2018?

Ammetto l’ignoranza di chi non sa ma sono molto curiosa! Ho sempre sentito parlare delle norme ISO come normative molto tecniche per gli addetti ai lavori! I manuali sono tomi densi di processi e tecnicismi per questo ho deciso di seguire un corso per trovare stimoli diversi e ringrazio Elena, Antonella, Alessandro e Federico che hanno facilitato nuove comprensioni. La rilettura del nuovo sistema architetturale pubblicato a settembre 2015 ha portato alla luce l‘intento di armonizzare le aree della certificazione di qualità, gestione ambientale, salute e sicurezza.

Direi che le novità sono molte e non so quanti le abbiano colte nella loro profonda volontà di agevolare la trasformazione dei processi organizzativi lungo la catena del valore, a favore di una azienda socialmente responsabile e sostenibile. Si introduce: il concetto di contesto molto più ampio e liquido rispetto al mercato, una nuova definizione di analisi del rischio, il tema della leadership rappresentato in dieci punti, il concetto di persone con le loro emozioni non più solo risorse ‘full time equivalent’! Allora non si tratta più di un dialogo tra tecnici ma può portare grandi vantaggi al sistema socio-economico, se si comprende il clima organizzativo in cui si radica e se vengono correttamente agite all’interno di interazioni umane. Soprattutto i revisori della nuova certificazione, in scadenza a settembre 2018, dovranno verificare lo stato dell’arte direttamente con il gruppo dirigenziale, non sarano ammesse deleghe a rappresentanti specialistici.

Questa nuova direzione è fortemente correlata al nuovo bilancio integrato obbligatorio dal 2018 per le grandi società, recependo una normativa europea sempre in rincorsa e sulla spinta a ‘dover’ fare e non ‘voler fare’! Il bilancio sociale che promuoveva la CSR su base volontaria si estende al bilancio integrato su base normativa, il messaggio del legislatore è chiaro e senza via d’uscita: le aziende devono integrare la sostenibilità nel business per essere imprese generative. La legge chiede di dichiarare non solo numeri facilmente manipolabili (dico io!) ma fatti concreti e di relazionare le due prospettive con una specifica attenzione alla tutela dell’ambiente, alla corretta gestione del personale, al rispetto dei diritti umani e alla lotta contro la corruzione. Purtroppo la proattività sul tema della sostenibilità come scelta strategica è ancora in divenire, ma meglio tardi che mai.

Ci sono settori più attivi su questo tema come mostra una Interessante ricerca pubblicata sul sole 24 ore lo scorso anno http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2017-06-16/imprese-test-sostenibilita-171115.shtml?uuid=AEMWZ1fB&refresh_ce=1. Il benchmark ci mostra quanta strada dobbiamo ancora fare verso l’eccellenza e rappresenta solo le grandi aziende quotate! Ampissimi spazi per le nostre PMI se vogliono attrarre capitali locali ed esteri, gli investitori e i fondi di private equity sempre di più cercano opportunità finanziarie responsabili e sostenibili.

Tutto molto giusto e utile per il progresso e la crescita ma mi permetto di osservare che ogni strategia e ogni processo vanno comunicati, compresi, agiti da persone: l’intelligenza artificiale e la robotica non sostituiranno mai le persone! Allora c’è spazio in questo movimento di ben-essere collettivo per diffondere l’empowerment delle persone, la cultura della consapevolezza e della respons-abilità! Sostengo la centralità delle persone nei sistemi organizzativi in ogni cambiamento evoluivo, con cognizione di causa per conoscenza, competenza ed esperienza diretta! Questi percorsi sono abilitatori per accelerare l’implementazione vrtuosa e tras-formativa di strategie e processi. Vedremo chi sarà pronto a questa sfida e per chi vuole approfondire il tema della sostenibilità personale e organizzativa dal mio punto di vista segnalo alcuni articoli già pubblicati nel blog.

https://lauratorretta.it/cose-la-sostenibilita-personale-sistemica-e-relazionale-parte-1/

https://lauratorretta.it/cose-la-sostenibilita-organizzativa-come-si-lega-ai-sistemi-e-alle-relazioni-parte-1/

Ti è piaciuto? Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Edit