Consapevolezza corporea e percorsi individuali di risveglio della consapevolezza corporea

Il nostro ben-essere si fonda sulla maggiore capacità di creare e sviluppare relazioni virtuose con noi stessi e con gli altri. Le dimensioni personali e sociali del ben-essere passano attraverso una maggiore consapevolezza delle modalità comunicative e delle dinamiche trans-verbali. La comunicazione si esprime con  un linguaggio ‘verbale’ logico e razionale che pesa però solo il 7% di cui siamo coscienti. Ben più rilevante è l’altro 93% di comunicazione non verbale (CNV), di scambio emotivo che si esprime con differenti M.E.S.I. (manifestazioni esteriori di sensazioni interiori) spesso automatiche Le emozioni  colorano sia la parte ‘vocale’ (38%) con il volume, il tono, il ritmo  che  la parte ‘gestuale’ (55%) con la  mimica facciale e le posture del corpo.

Conoscere e riconoscere i propri stili e schemi comunicativi, intercettare quelli degli altri può essere di grande aiuto in diverse occasioni. Osservare principalmente noi stessi e successivamente gli altri nello spazio dinamico della comunicazione può ancorarci ‘nel mare in tempesta’ delle discussioni e dei conflitti . Esercitare la nostra capacità di ‘sentire’ il riflesso delle nostre emozioni nel  corpo  ci rende meno vulnerabili e con il tempo ‘più forti’ delle nostre emozioni. Diventiamo più consapevoli per ‘essere’ e ‘agire’ quello che vogliamo e quello che possiamo con autonomia e responsabilità.

Queste tecniche aiutano ad integrare ed esprimere gli stimoli della mente e del corpo in modo ‘più funzionale’, l’equilibrio non sta né nel  reprimere né nello sfogare, non può dipendere mai dal ‘troppo’ o dal ‘troppo poco’. Occorre  gentilezza, amorevolezza e pazienza con se stessi ma si può ritrovare il piacere di agire istante per istante comportamenti più ‘utili e giusti’ per il nostro equilibrio energetico e per cooperare al cambiamento del sistema relazionale che viviamo.

Si diventa infallibili e si raggiunge il nirvana?  Certo che no, non ci sono ricette magiche solo una grande dedizione alla pratica costante. Si cade di nuovo nella reazione inconsapevole ma ci si rialza in modo consapevole! Si è però più svegli e si entra meno volte nello schema automatico, si vede prima la luce per uscirne.

Con queste pratiche esperienziali si sperimentano le nostre percezioni e opinioni soggettive sulla realtà, ci si specchia nel modo con cui comunichiamo e ci relazioniamo, un modo unico come il nostro DNA!

Questo percorso e questa pratica potrebbero esserti utili se:

  • ti senti spesso con la testa fra le nuvole e i tuoi pensieri hanno il sopravvento
  • ti trovi a sprecare tempo a immaginare cosa potrebbe accadere invece di vivere quello che sta accadendo
  • vuoi conoscere meglio le tue modalità comunicative
  • desideri sviluppare consapevolezza sulla comunicazione emotiva per mantenere il con-tatto
  • ti piacerebbe imparare a sintonizzarti meglio nelle relazioni invece di scattare e reagire solo sulla tua frequenza
  • ricerchi pratiche e strumenti per riattivare i tuoi sensi e il tuo sentire
  • vorresti sviluppare maggiore consapevolezza nell’ascolto dei segnali che ti invia il tuo corpo

Se ti riconosci in una delle possibili situazioni che ho descritto, se sei interessato ad un incontro conoscitivo di approfondimento sui percorsi individuali che offro per sperimentare e allenare questa pratica puoi andare nella sessione “contattami” e condividere i tuoi riferimenti. Possiamo avere una prima occasione di scambio, senza impegno da parte tua, per comprendere se questa tecnica è gestibile e appropriata per le tue esigenze, se posso essere io il professionista giusto per te. 

Ti è piaciuto? Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Edit